Misure di sostegno all’economia a causa della COVID-19 pandemia in Croazia


In occasione della pandemia del virus COVID-19 il Governo croato e diverse istituzioni hanno introdotto una serie di misure finalizzate a mitigare le conseguenze negative della pandemia sull’economia croata. Particolare accento, nell’introduzione di queste misure, è stato fatto sulla protezione delle attività delle società e degli individui.

Di seguito troverete l’illustrazione generale delle misure introdotte fino alla data della presente pubblicazione. A causa dello sviluppo particolarmente dinamico in questo settore, e avendo riguardo al fatto che alcune misure hanno soltanto la forma di raccomandazioni o proposte, per complete e aggiornate informazioni in merito rivolgetevi al nostro team che vi fornirà il richiesto parere nel più breve tempo possibile.

 

I. DEBITI, RECUPERI COATTIVI DI CREDITI, NUOVI FINANZIAMENTI

1. Sospensione di esecuzioni forzate

CLe banche commerciali dovrebbero sospendere l’esecuzione di tutte le misure di recupero coattivo del credito attuate nei confronti di tutte le persone giuridiche e fisiche che nei tre mesi consecutivi, a partire dall’aprile 2020, non adempino a tre rate dei propri obblighi di finanziamento, a condizione che con ciò i creditori non siano posti in disparità rispetto ad altri creditori. Tale sospensione dovrebbe durare 3 mesi.

Fonte:

Decisione del Governo RH del 17 marzo 2020, misura nr. 9

Associazione croata delle banche

 

2. Approvazione di finanziamenti per liquidità e working capital

Gli imprenditori possono dalla Banca croata per la ricostruzione e lo sviluppo (“HBOR”), come anche dalle banche commerciali, richiedere l’approvazione di finanziamenti per la liquidità e working capital di durata fino a 3 anni per finanziare i costi base di operatività. I finanziamenti per finanziare le obbligazioni di pagamento dei contratti di mutuo nei confronti di banche commerciali e altre istituzioni finanziarie sono espressamente esclusi da questa misura.

Fonte:

Decisione del Governo RH del 17 marzo 2020, misure nr. 5 e 10.

Banca croata per la ricostruzione e lo sviluppo (HBOR)

 

3. Riprogrammazione di debiti

I clienti esistenti possono da HBOR richiedere l’approvazione della riprogrammazione di debiti, come anche la moratoria sul pagamento della quota capitale del mutuo.

Le istituzioni creditizzie dovrebbero acconsentire la riprogrammazione dei debiti nei confronti di clienti indicati sulla base di procedimento accelerato senza la riclassificazione nello status di soggetti inadempienti agli obblighi.

Fonte:

Decisione del Governo RH del 17 marzo 2020, misure nr. 4 e 11.

Banca croata per la ricostruzione e lo sviluppo (HBOR)

 

4. Moratoria sul pagamento del mutuo

Da HBOR è possibile richiedere l’introduzione della moratoria su tutte le obbligazioni di pagamento sulla base di contratti di mutuo esistenti.

Le istituzioni creditizzie dovrebbero con diligenza e celerità valutare e approvare le richieste di clienti affetti (la cui solvibilità è pregiudicata o i ricavi diminuiti) per la sospensione di pagamenti per il periodo di almeno tre mesi. Per il periodo di sospensione le istituzioni creditizzie dovrebbero far pagare esclusivamente gli interessi contrattuali senza i costi aggiuntivi.

Le istituzioni creditizzie possono sospendere le obbligazioni di pagamento (oppure in altro modo riprogrammare le obbligazioni di mutuo) e approvare nuovi finanziamenti per gli esistenti e nuovi scoperti nei confronti dei loro clienti (le cui attività sono state colpite o saranno colpite dalla pandemia) e che al 31 dicembre 2019 erano classificati come A clienti, il tutto per evitare l’ulteriore deterioramento della situazione finanziaria dei clienti.

Fonte:

Decisione del Governo RH del 17 marzo 2020 misura nr. 3

Banca croata per la ricostruzione e lo sviluppo (HBOR)

Associazione croata delle banche

Banca nazionale croata (HNB)

 

5. Attuazione di determinate misure

L’Agenzia Finanziaria (“FINA”) ha invitato tutti i soggetti economici a presentare le richieste per i sussidi del Governo RH utilizzando il portale FINA. Le misure per le quali è possibile presentare la richiesta sono:

  • finanziamenti per la liquidità e working capital;
  • sospensione deI pagamenti;
  • riprogrammazione dei mutui.

Le persone legittimate alla presentazione delle richieste sono società commerciali, imprese individuali e piccoli coltivatori agricoli (OPG) le cui attività di impresa nel contesto della pandemia sono pregiudicate oppure completamente impedite. Le istituzioni alle quali le richieste saranno inoltrate sono tutte le banche che nella Repubblica di Croazia hanno l’autorizzazione per lo svolgimento della loro attività, HBOR e l’Agenzia croata per l’imprenditoria piccola, l’innovazione e gli investimenti (HAMAG-BICRO).

Fonte:

Agenzia finanziaria (FINA)

 

II. MISURE PER LE ISTITUZIONI CREDITIZZIE E FINANZIARIE

1. Utilizzo di riserve di liquidità

Le istituzioni creditizzie possono temporaneamente utilizzare le proprie risorse di liquidità (che servono a preservare le istituzioni creditizzie nella situazione di dissesto) fino al 30 giugno 2021.

Fonte:

Banca nazionale croata (HNB)

 

2. Riduzione dell’accantonamento dal 12% al 9%

L’importo di accantonamento obbligatorio viene diminuito dal 12% al 9%.

Fonte:

CDecisione HNB nr. 772 del 23 marzo 2020.

 

3. Altre misure

Ci si attende che la HNB ordinerà alle istituzioni credittizie misure in merito all’accantonamento dell’utile netto.

Le istituzioni creditizzie dovrebbero adeguare in modo appropriato i pagamenti di redditi variabili (bonus, tfr e sim.).

HNB ha raccomandato l’incremento dell’importo massimo di transazione di pagamento senza contatto senza l’utilizzo di PIN da 100,00 HRK a 250,00 HRK a partire dal 6 aprile 2020.

Fonte:

Banca Nazionale Croata (HNB) – quadro regolamentare

Banca Nazionale Croata (HNB) – raccomandazione

 

III. IMPOSTE E RENDICONTAZIONE

Tutti i contribuenti ai quali lo svolgimento dell’attività è stato proibito, impedito o reso particolarmente difficile saranno completamente o in parte esonerati dai tributi pubblici in scadenza ad aprile, maggio e giugno 2020.

L’obbligazione tributaria di imposta sul valore aggiunto può essere rinviata fino all’incasso delle fatture emesse.

Il termine per la presentazione dei rendiconti finanziari annuali per l’anno 2019 si rinvia al 30 giugno 2020, viene introdotta la possibilità per la presentazione degli stessi online e si abolisce l’obbligazione di pagamento del contributo per la loro pubblicazione.

Fonte:

Decisione del Governo RH del 2 aprile 2020, misure nr. 2.3, 2.4., 3.

Agenzia Finanziaria (FINA)

 

IV. IMPIEGO

L’importo dei sussidi dell’Istituto croato per l’impiego al fine della preservazione dei posti di lavoro nei settori colpiti dal corona virus viene incrementato all’importo di 4.000,00 HRK netti (per lavoratore) per aprile e maggio 2020. Tutti i datori di lavori che si avvalgono di questo sussidio saranno esonerati dal pagamento del costo dei relativi contributi.

Fonte:

Decisione del Governo RH del 2 aprile 2020, misure nr. 2.1, 2.2.

 

V. ULTERIORI INFORMAZIONI

Žurić i Partneri hanno formato un team che attentamente segue le reazioni del Governo RH in merito a COVID-19. Lo scopo è di offrire ai nostri clienti sostegno e aiuto tempestivi e completi in relazione a qualsivoglia questione giuridica e strategica in merito alla situazione COVID-19, come anche attenuare l’impatto di COVID-19 sulle loro attività.